Rivolgiamo la domanda alla Regione Puglia Assessorato cultura e turismo: Come mai a pagare per gli errori della politica sono sempre i cittadini, ignari di queste macchinazioni economico-creative? A quanto ammonterebbe l'aiuto economico? Arrivati a questo punto non sarebbe più economico far fare l'esame come programmato alla Provincia di Taranto e istituire un bando regionale il prossimo anno?
Argomenti novità
Segnala questa pagina

Bando di Taranto

Tags/parole chiave: gudestriscia la notiziacnaaccompagnatoritaranto

Ora chi paga?

esame

All'inizio dell'anno la provincia di Taranto ha istituito un bando per l'abilitazione di nuove guide turistiche e accompagnatori

Appena appresa la notizia la CNA Puglia sollevò immediatamente forti dubbi sulla legittimità del bando chiedendo immediatamente delucidazioni all'Assessora della Regione Puglia con delega al turismo Loredana Capone.

Nonostante i forti dubbi e le perplessità sollevate anche dalla Regione Puglia, la Provincia di Taranto decise ugualmente di procedere nel suo intento, ignorando continuamente gli inviti della Regione per chiarire la spinosa faccenda; questo avvenne ancora prima che gli aspiranti guide e accompagnatori cominciassero ad inviare le adesioni.

Ma torniamo al bando: tra i vari articoli, oltre a quello dei requisiti, vi erano ben specificate le modalità per poter partecipare; ogni aspirante infatti, oltre alla documentazione richiesta in marca da bollo di 16 euro, doveva effettuare un versamento di 100 euro rimborsabile nel momento in cui, per qualsiasi motivo, il bando sarebbe stato sospeso.

Intanto, nel rispetto dei termini di iscrizioni molti aspiranti-esattamente 1867- hanno aderito, inviando la richiesta e facendo il versamento come richiesto di 100 euro tramite bollettino postale sul c/c postale n. 12380747 – intestato alla "Provincia di Taranto" con la causale “Contributo spese esame Accompagnatore Turistico” o “Contributo spese esame Guida Turistica” per un totale di 187.700,00 euroCon il passare del tempo i partecipanti, dopo aver fatto il versamento e inviato la richiesta d'iscrizione in attesa della fatidica data dell'esame, hanno cominciato a perdere la pazienza.

Ora siamo giunti al traguardo e si comincia a sentire l'odore del rimborso; la CNA aveva ragione: fin da tempi non sospetti, la provincia di Taranto non poteva mantenere le promesse ed ha solo illuso giovani in attesa di un'occupazione.

A questo punto sorgono spontanee alcune domande: come mai le quote versate non vengono restituite direttamente ai partecipanti dalla Provincia di Taranto? Come mai quando la provincia di Taranto ha istituito il bando la Regione non è stata interpellata e ora che si parla di rimborsi viene chiesto il suo intervento?

La richiesta di aiuti economici della Provincia di Taranto, a nostro parere, non è giustificata, in quanto si sapeva a cosa si andava incontro; inoltre le quote per l'iscrizione sono state versate in anticipo e non regge la scusa che sono stati utilizzati per la piattaforma informatica, quella è stata realizzata prima senza nessuna garanzia che ci sarebbero state tante adesioni.

La notizia dell'aiuto economico è stata scritta dalla stessa assessora Loredana Capone in un commento di un suo post nella sua pagina fan, che citiamo testualmente: "28/07/2016 Abbiamo appena approvato la delibera di cui vi parlavo. Ora la provincia di Taranto che ha chiesto la collaborazione economica alla regione per provvedere alle restituzioni, potrà rimborsare le somme agli aventi diritto.”

Pertanto rivolgiamo la domanda alla Regione Puglia Assessorato cultura e turismo: Come mai a pagare per gli errori della politica sono sempre i cittadini, ignari di queste macchinazioni economico-creative? A quanto ammonterebbe l'aiuto economico? Arrivati a questo punto non sarebbe più economico far fare l'esame come programmato alla Provincia di Taranto e istituire un bando regionale il prossimo anno?

Beatrice Arcano CNA Puglia Beni culturali e turismo sede di Casarano

Data pubblicazione: 01/08/2016 (16:59)
Ultimo aggiornamento: 01/08/2016 (17:14)


Condividi questo documento su Facebook...

 

I commenti a questo post

Lascia un commento o leggi quelli scritti dagli altri .

Comunicati stampa
Il menu del Post:
I più letti! novità
ContattaciPreferitiHome page RSS
CNA Sede zonale Casarano Chi lavora con noi cresce.
Sede provvisoria: Viale Francesco Ferrari, 58 - 73042 Casarano Lecce
Si riceve per appuntamento Tel. +39 368.3413297
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Powered by Japigia.com 2009/2015
*** Questo Sito Web NON utilizza Cookie ***