L' indagine del Censis conferma ancora una volta la difficoltà che incontrano le piccole e medie imprese per finanziare la propria attività.
Il tema delle garanzie che la Cna pone al centro della propria iniziativa fin dal primo giorno della crisi rappresenta ancora il nodo centrale per le piccole e medie imprese
Argomenti novità
Segnala questa pagina

Accesso al credito

Tags/parole chiave: accesso al creditopiccole medie impreseartigianato

L'accesso al credito è il vero nodo per le Pmi

“L' indagine del Censis conferma ancora una volta la difficoltà che incontrano le piccole e medie imprese per finanziare la propria attività.

Il tema delle garanzie che la Cna pone al centro della propria iniziativa fin dal primo giorno della crisi rappresenta ancora il nodo centrale per le piccole e medie imprese”. Lo afferma il segretario generale della Cna, Sergio Silvestrini, commentando i dati pubblicati nel “Diario della ristrutturazione del terziario” ad opera di Censis e Bcc. Lo studio evidenzia che la richiesta di garanzie reali da parte delle banche durante la crisi ha registrato un vero e proprio boom: +34,8%, da giugno 2009 a giugno 2010 “Il lavoro svolto dal sistema dei Confidi - ha proseguito Silvestrini - può contribuire a migliorare le condizioni del credito, ma lavalutazione dei progetti delle imprese e del loro merito di credito non può che rimanere interamente in capo alle banche, che debbonoadeguare la loro capacità alla difficile situazione economica che stiamo attraversando”.

Le principali cause di questo 'ingessamento' del credito sono, secondo il rapporto del Censis, da ricercarsi "nella paura (non sappiamoancora a che punto siamo del ciclo della crisi finanziaria e cosa ci riserva il futuro); poche idee innovative; una organizzazione chepresenta ancora lacune da colmare; una normativa ancora farraginosa". La reazione degli istituti di credito è, dice lo studio, l'emblema di una modernizzazione che procede “a singhiozzo”. La crisi ha impressouna brusca inversione di tendenza al trend delle banche a concentrarsi sul retail per diventare filiali leggere scollegate dal territorio: iltentativo successivo è stato opposto, ovvero quello di tentare il recupero di logiche locali. Ma, in questo “ritorno al territorio”, alla finanzaè mancato il collegamento con la cultura globale e di settore. Ha fatto il resto poi il restringimento dell'autonomia dellefiliali che haportato a un ingolfamento decisionale, risolto solo dall'automatismo delle procedure: si è persa cioè - secondo l'analisi del Censis -l'abilità del saper fare credito, saper cioè selezionare i clienti, individuarne la capacità di fare reddito.

 Il 2010 doveva essere l'anno della ristrutturazione del terziario (circa due terzi degli occupati italiani) ma anche qui si è camminato asinghiozzo, dice il Diario Censis. Così, allo stato i servizi producono meno ricchezza di quello che potrebbero e il Pil "non tornerà a crescere in modo consistente finche la redditività del terziario non sarà più robusta".

E la strada è lunga: nell'ultima parte del 2010 ilvalore aggiunto del manifatturiero è cresciuto +4,3%, quello dei servizi appena +0,7. Ma il nodo centrale resta il brusco innalzamento in 12 mesi delle richieste di garanzie reali da portare per ottenere finanziamenti, a fronte di un sostanziale stallo dei fondi concessi, insomma il credit crunch tanto lamentato dalle imprese, soprattutto Pmi. Meglio hanno fatto, evidenzia ancora lo studio, le banche che inpassato non avevano allentato il loro radicamento territoriale. Nell'ultimo anno la rete Bcc, Banche di creditocooperative, ha vistoaumentare i suoi impieghi economici verso le imprese del 6,7%, contro un aumento dell'1,7% registrato dal sistema bancario complessivo.

Data pubblicazione: 25/01/2011 (10:31)
Ultimo aggiornamento: 25/01/2011 (10:36)


Condividi questo documento su Facebook...

 

I commenti a questo post

Lascia un commento o leggi quelli scritti dagli altri .

Comunicati stampa
Il menu del Post:
I più letti! novità
ContattaciPreferitiHome page RSS
CNA Sede zonale Casarano Chi lavora con noi cresce.
Sede provvisoria: Viale Francesco Ferrari, 58 - 73042 Casarano Lecce
Si riceve per appuntamento Tel. +39 368.3413297
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Powered by Japigia.com 2009/2015
*** Questo Sito Web NON utilizza Cookie ***