Sintesi del convegno per la presentazione del Corso di formazione degli antichi mestieri legati alla lavorazione della pietra promosso dall'associazione Innova.Menti in collaborazione con il CNA Lecce ed il CNA Matera
Argomenti novità
Segnala questa pagina

Convegno a Lecce

Tags/parole chiave: cnaformazionepietracorso

Lecce 21 ottobre 2011

convegno 21 ottobre 2011 a lecce

Si è svolto ieri, 21 ottobre alle ore 18,30, a Lecce il convegno per la presentazione del Corso di formazione degli antichi mestieri legati alla lavorazione della pietra promosso dall'associazione Innova.Menti in collaborazione con il CNA Lecce ed il CNA Matera; il corso, facente parte dei progetti finanziati dalla regione Puglia per la valorizzazione e il recupero degli antichi mestieri, è rivolto a 16 giovani disoccupati.

A presentare il nuovo corso sono intervenuti il dr. Ettore Bambi, Marcello De Giorgi Vice presidente della Camera di Commercio di Lecce e direttore del CNA Lecce, Vito Negro Presidente CNA Casarano, Pasquale Ribezzo segretario del CNA Puglia, Leonardo Montemurro Segretario CNA Matera, Rocco Rivelli Assessore della città di Matera e Loredana Capone vicepresidente della regione Puglia.

Durante l'esposizione del progetto al pubblico presente in sala, si è cercato di puntare l'attenzione sull'importanza del recupero dell'artigianato artistico come risorsa per il territorio dal punto di vista culturale ed economico.convegno 21 ottobre 2011 a lecce

L'artigianato tipico pugliese sta vivendo un periodo di ripresa che va a pari passi con il turismo e la formazione in questo contesto assume un ruolo fondamentale per la crescita sopratutto del nostro Salento.

La lavorazione della pietra leccese rappresenta un settore in fase di crescita non solo economica ma anche culturale e, come asserito da Loredana Capone, apprezzata ovunque nel mondo. Il corso darà ai partecipanti l'opportunità di conoscere un elemento importante: la pietra e come la si potrà trasformare. Si formeranno 16 nuovi scalpellini che, con passione, incominceranno a lavorare la pietra.

Negli ultimi decenni si è assistito all'abbandono degli antichi mestieri per seguire altre opportunità lavorative; in tanti, infatti, hanno preferito chiudere il laboratorio da artigiano per lavorare nelle fabbriche, che versano ormai in situazioni critiche, e parecchi sono i laboratori artigiani che rischiano di chiudere perché non possono garantire la continuità aziendale con quello che, un tempo, era il passaggio del mestiere da padre in figlio.

Obiettivo del corso è la formazione dei giovani per il recupero della tradizione artigiana che può trasformarsi in una rendita economica positiva in un periodo di crisi e di disoccupazione.

Il corso di 610 ore si suddivide in una parte teorica in aula e una pratica con stage presso le aziende del settore per avere un contatto diretto con il mondo lavorativo.

Nel progetto si è voluto coinvolgere ed amalgamare l'artigianato salentino con quello materano. Si è scelto la città di Matera, patrimonio dell'UNESCO, perché nella città dei sassi la pietra rappresenta la più grande risorsa.

Interventi

convegno 21 ottobre 2011 a lecce

Particolarmente incisivi gli interventi di:

Marcello De Giorgi che in breve ha sottolineato: “L'artigianato rappresenta un settore in forte crescita in particolare nel Salento, per cui bisogna incentivare e valorizzare l'artigianato tipico e artistico per valorizzare il territorio”

Vito Negro che ha dato risalto alla penuria di personale specializzato in determinati settori lavorativi e all'importanza di aiutare i giovani volenterosi ad imparare un mestiere in quanto rappresentano le fondamenta della società futura. Proprio per incentivare gli antichi mestieri il CNA Casarano ha indetto un concorso fotografico dal titolo l'artigianato e la sua evoluzione a cui tutti e in particolare le scuole possono partecipare.

Leonardo Montemurro ha dato risalto all'unicità del prodotto realizzato artigianalmente asserendo che ciò che lega Matera a Lecce non è solo la pietra ma anche la cartapesta tanto che per la festa patronale in onore della Maria Santissima della Bruna che si svolge a Matera il 2 luglio viene costruito un grande carro di cartapesta poi smontato dai fedeli durante il tragitto.

Il suo intervento si è incentrato sull'importanza dell'artigianato tanto da proporre l'inserimento nel patrimonio dell'UNESCO di tre attività artigiane: i cartapestai, i ceramisti e i panificatori. Resta comunque per l'artigianato ancora qualche difficoltà da affrontare ed è la politica regionale, nonostante le imprese artigiane rappresentino un elemento importante per l'economia della Basilicata continuano ad essere emarginate dalla “miopia politica”, non serve imparare un mestiere ma bisogna anche agevolare le imprese nella crescita. Intervento pienamente condiviso anche dall'Assessore della città di Matera Rollo.

convegno 21 ottobre 2011 a lecce

Pasquale Ribezzo ha rimarcato che per la formazione c'è ancora molto da fare; mancano le sedi accreditate e il ruolo delle istituzioni è carente nell'aiutare l'azienda a trovare nuovi sbocchi nel mercato facendo ancora oggi riferimento alla legge 83 sull'internazionalizzazione; in un mercato in cui la concorrenza è spietata, per la Puglia, occorrono interventi veloci come per le regioni del nord, meno burocrazia e collaborazione istituzione-impresa in modo da lavorare insieme per far emergere le imprese soffocate dalla crisi, se non c'è collaborazione i prossimi anni potrebbero essere terribili per l'economia.

Bisogna considerare l'artigianato elemento artistico culturale che identifica un popolo; è una risorsa di reddito, produttiva, storica e culturale ed è in grado -se adeguatamente valorizzato- a sostenere lo sviluppo di un territorio.

A concludere gli interventi la vicepresidente della regione Puglia Loredana Capone ha voluto marcare nella formazione l'importanza della teoria e non solo della pratica; l'artigiano odierno oltre a conoscere il mestiere deve avere una preparazione generale e conoscere le lingue per poter affrontare la globalizzazione dei mercati.

Articolo e foto Beatrice Arcano

Data pubblicazione: 22/10/2011 (15:37)
Ultimo aggiornamento: 22/10/2011 (17:20)


Condividi questo documento su Facebook...

 

I commenti a questo post

Lascia un commento o leggi quelli scritti dagli altri .

Assemblee e riunioni
Il menu del Post:
I più letti! novità
ContattaciPreferitiHome page RSS
CNA Sede zonale Casarano Chi lavora con noi cresce.
Sede provvisoria: Viale Francesco Ferrari, 58 - 73042 Casarano Lecce
Si riceve per appuntamento Tel. +39 368.3413297
E' vietato il plagio, anche parziale, dei contenuti del sito.
Powered by Japigia.com 2009/2015
*** Questo Sito Web NON utilizza Cookie ***